Divinità

IL TUTTO

Al centro di tutto c’è l’Infinito: puro pensiero, illimitato, malvagio e benevolo, immenso. Tutto.

POSSENTI DIVINI

Dal Tutto sono scaturiti gli Dei (o Possenti Divini) che costituiscono la materia, e che hanno creato le sei
razze principali. Essi detengono il ciclo delle stagioni negli anni (tutti da 366 giorni) e soprattutto il ciclo
dello Scorrere delle Ere, o Susseguirsi delle Ere, che si ripetono sempre seguendo le stesse fasi.

Dei Elementi Razze
Mor = Oscurità Darroki
Kar = Terra Nani
Quv = Acqua Orchi
Des = Aria Elfi
Alo = Luce Alandoi
Fot = Fuoco Medorani

I POSSESSORI DEL MONDO

I Possessori del Mondo (o Tessitori) sono coloro che impediscono alla terra di autodistruggersi, o quelli
che ne programmano la distruzione assieme a Fot. Senza di essi il ciclo del mondo prenderebbe una piega
diversa e potrebbe distruggersi per sempre.

Grazie al continuo ciclo di creazione e distruzione però esso rinasce sempre rinnovato e per qualche tempo può vivere e prosperare. Essi distruggono il mondo in due modi (inviando la Nemesi, o scatenando l’Apocalisse) e la distruzione può essere programmata in due casi: quando i mortali si uccidono da soli e rischiano di estinguersi, o quando essi scoprono cose che non dovrebbero scoprire, perché rischiano di ribaltare l’equilibrio del mondo.

I Tessitori possono anche decidere di distruggere un solo frammento di terra che rende precario
l’equilibrio momentaneo della terra intera. (vedi ciò che accadde prima del Patto degli Eroi).

ANTICHI

Angeli e Demoni sono le divinità fatte di pensiero che vivono nell’Immaginario, (Mondo dei Sogni).
Durante l’Apocalisse essi acquisiscono materia e forma e contrastano il potere dei Tessitori che rischia di
essere talmente devastante da distruggere completamente la terra.
Angeli e Demoni sono gli Antichi: discendono direttamente dall’Infinito, sono loro che hanno riempito
dei pensieri, paure, gioie, sentimenti l’animo dei mortali. Hanno altresì donato loro la magia (Anche se
sono stati i Possenti Divini a dare una forma ad essa, gli Antichi le hanno dato un senso).

La Madre di tutti loro si chiama appunto “Madre” l’unico essere la cui natura si divide tra Angelo e Demone, il cui sguardo aspro e fiero, e misterioso si può trovare nella natura più selvaggia. Colei che ti mette sempre di
fronte la dura verità, la tua condizione di mortale, debole e piccolo.

Gli Antichi, venerati dalle sei razze originariamente create, sono sei per ognuna di esse, (taluni in comune).
Gli antichi possono palesarsi nei sogni e nella realtà di loro spontanea volontà. O essere richiamati dai
mortali attraverso dei riti. Ma, i mortali possono anche richiamarli per errore, vivendo, sentendo o
provando un’emozione talmente forte da richiamare un Antico contro il suo volere. Un Antico richiamato
forzatamente è molto pericoloso.

DEMONI E ANGELI MINORI

Non sono veri e propri Antichi, poiché sono nati dopo. Il loro contatto con la realtà è molto più labile di
quello che hanno gli Antichi. Ce ne sono moltissimi di loro, ma nessuno sa quanti.
Dei Demoni Minori Sotterranei si sa poco. Sono progenie dei Demoni, nati dalle paure più grandi
scaturite nei mortali dai demoni, essi vivono sottoterra, compaiono molto di rado negli incubi e sono
ricordi di primordiali paure inimmaginabili dentro i mortali.

ANTICHI DEGLI ELFI:

  1. Eolondo: Angelo – (Antico di origine orchesca, il cui vero nome è Olomun) padre degli alberi dai lunghi
    capelli ornati da fiori, vestito di una lunga veste verde e celeste. Il suo simbolo è un albero rigoglioso con
    animali di ogni tipo tra le sue foglie.
  2. Elirhia: Angelo – Cacciatrice del Crepuscolo. Il suo simbolo è una mano velata che si protrae verso il cielo
    sostenendo una falce di luna.
  3. Elurussia : Demone – Soffio del Sole. E’ l’Antico a cui si rivolgono gli elfi per cercare riposo dalle loro pene.
    Il suo simbolo è un sole con una figura elfica che cammina verso di esso.
  4. Enameria: Angelo – La Lottatrice della Libertà. Con rossi capelli ricci e un ascia bilama. Il suo simbolo è la
    poiana.
  5. Enolao : Angelo Il Vagabondo.
  6. Entinom: Demone – Antico dell’incertezza e dell’ignavia. Il suo simbolo è un elfo storpio, e malconcio con
    una falce in mano e delle gocce di sangue che gli colano sul volto.
  7. Escelik: Demone – Egoista e superbo non si cura di nessuno ed è meschino. Il suo simbolo è un elfo ricco e
    altezzoso dalle sembianze di un avvoltoio.

ANTICHI DEI NANI:

  1. Nalkara: Angelo – Protettrice della patria e della famiglia, la più gloriosa a cui si appellano tutti i guerrieri
    nani prima delle battaglie. Il suo stemma sono due montagne con un muro tra esse. Sempre accompagnata
    dall’aquila dorata.
  2. Nalamerra: Angelo – Dell’amore reciproco tra i nani. Il suo stemma è un rivolo d’acqua che scorre tra
    aspre rocce.
  3. Naondulmo: Angelo – Il Protettore del Primo Sole. La Sentinella del Mondo. Si dice sia il più antico
    angelo, il primo che abbia visto la luce del sole. Il suo stemma è un sole che si leva dalle montagne.
  4. Namononda: Demone – Kraul per i Darroki. Custode dei segreti della terra. Secondo Antico (e Primo
    Demone) nato nel mondo, appena dopo Naondulmo. Il suo stemma è un libro con un impronta
    bruciacchiata di una mano.
  5. Nugelmo: Demone – Dell’avarizia, della gloria superflua e della cupidigia. Il suo stemma è una corona fatta
    di legno.
  6. Norak :Demone – Antico della guerra. Colui che suonerà il corno al momento dell’Apocalisse richiamando i
    valorosi dall’Alinor. Il suo stemma è appunto il Corno dell’Apocalisse.

ANTICHI DEGLI ORCHI:

  1. Olomun: Angelo – Padre degli alberi dai lunghi capelli ornati da fiori, vestito una lunga veste marrone e
    verde, alto e possente quanto una quercia. Ritratto come un essere molto alto per metà albero e per metà orco. (Non ha bocca ma ha orecchie e naso per sentire. Molti animali e volatili gli vivono sopra. Spesso
    sposo della “Madre”(Natura) Esso è il protettore di tutti gli esseri viventi. Il suo simbolo è un albero
    rigoglioso.
  2. Oshoar: Angelo – Antico della fratellanza tra tutti gli orchi, vestito semplicemente e con le armi che usa
    solo per difendere i suoi simili.
  3. Mare Eterno: padre di tutti gli orchi, altresì riconosciuto come figlio diretto di Quv